Cosa succede se l’Europa finisce il gas?

Il vero banco di prova dell’approvvigionamento energetico dell’Europa è qui. Poiché le temperature hanno iniziato a scendere in tutto il continente negli ultimi giorni mentre i prezzi dell’energia elettrica sono iniziati a salire di nuovo. La carenza di gas naturale potrebbe peggiorare nel caso in cui l’inverno fosse più freddo del solito.

Non c’è una soluzione immediata alla crisi della fornitura di energia elettrica e gas naturale, e più freddo e lungo è l’inverno, peggiore potrebbe diventare la situazione, dicono gli analisti. Attualmente, l’unica cosa che potrebbe alleviare la pressione sulla stretta fornitura di energia in Europa è l’abbassamento della domanda che viene dal settore legato all’industria, che è anche la causa dell’innalzamento dei prezzi.

Ma questo provocherebbe un duro colpo all’economia di ogni Paese europeo, quindi lo scenario in cui i settori secondari diminuiscano la loro domanda di gas è quanto mai inverosimile; motivo per cui alcuni hanno persino affermato che le riserve di gas potrebbero scendere a zero quest’inverno se il freddo perdurerà.

La Russia, accusata di avere spento i rubinetti, invece, sta adempiendo ai suoi obblighi contrattuali non venendo meno agli accordi sottoscritti con i propri parternes europei, anche se va specificato che negli ultimi mesi non ha aumentato in modo significativo l’offerta aggiuntiva a causa della crisi del gas e dell’energia di cui anche la Russia, per pur in minima parte è vittima. 

Nel frattempo, il controverso progetto Nord Stream 2 guidato dalla Russia ha avuto un intoppo all’inizio di questo mese dopo che la Germania ha dichiarato di aver  sospeso  il processo di certificazione del gasdotto Nord Stream 2. L’agenzia federale di rete tedesca, Bundesnetzagentur, ha  dichiarato  a metà novembre 2021 di aver sospeso la procedura per certificare Nord Stream 2 AG come operatore di trasmissione indipendente, almeno fino a quando un operatore del gasdotto in Germania non sarà costituito secondo i parametri previsti dalla legge tedesca.  La battuta d’arresto ritarda di almeno alcune settimane la prima data di entrata in servizio possibile del gasdotto, il che potrebbe potenzialmente alleviare la carenza di gas in caso di un inverno più freddo in Europa. 

Con l’incertezza sulla data di inizio del Nord Stream 2, i prezzi europei del gas e dell’elettricità potrebbero superare i massimi record raggiunti a ottobre. “Non escluderei un ritorno ai massimi record di ottobre se si guarda a quanto è corto il mercato e ai flussi russi limitati” , ha detto la scorsa settimana Wayne Bryan, analista di Refinitiv, come citato da Reuters .  “Se il clima diventa freddo in Europa, non ci sarà una soluzione di approvvigionamento facile, sarà necessaria una soluzione per la domanda” , ha detto a Bloomberg Adam Lewis, un partner della società commerciale Hartree Partners .

Alcune industrie ad alta intensità energetica che utilizzano molto gas naturale, tra cui ammoniaca, fertilizzanti e acciaierie, hanno ridotto le operazioni in Europa negli ultimi mesi poiché i prezzi record del gas naturale hanno reso la loro produzione non redditizia. 

Per i consumatori, a parte l’impennata dei prezzi del gas e dell’elettricità, la crisi del gas naturale potrebbe significare interruzioni di corrente continue se l’inverno è davvero freddo, ha avvertito Jeremy Weir, CEO di uno dei più grandi commercianti di materie prime, Trafigura, all’inizio di questo mese.

“Al momento non abbiamo abbastanza gas, francamente. Non stiamo immagazzinando per il periodo invernale”, ha detto Weir al vertice FT Commodities Asia a metà novembre.  “Quindi c’è una vera preoccupazione che… se avremo un inverno freddo potremmo avere blackout in Europa” , ha detto l’amministratore delegato di Trafigura. 

La crisi del gas naturale sta spingendo i prezzi dell’energia elettrica in Europa a livelli record o vicini a livelli record. Un clima invernale molto freddo e immobile con basse velocità del vento aggraverebbe ulteriormente la carenza di energia elettrica, soprattutto nel nord Europa, che fa affidamento sulla generazione eolica per parte della sua fornitura di energia elettrica. 

Ad esempio, la minore produzione di energia eolica in Francia, insieme a una minore fornitura di energia nucleare, ha portato i prezzi francesi dell’energia elettrica del giorno prima la scorsa settimana ai massimi in quasi un decennio, poiché la domanda è aumentata con l’arrivo del clima più freddo. 

I prezzi dell’energia elettrica del giorno prima nella regione nordica per lunedì sono balzati a un livello record sulla borsa Nord Pool, poiché le basse temperature si sono combinate con la minore fornitura di energia da fonti rinnovabili e gli alti prezzi del gas. 

Con la scarsa disponibilità di gas naturale e l’incertezza se e quando i flussi di gas russo potrebbero essere aumentati in modo significativo, i sistemi e i mercati europei di energia e gas stanno affrontando la prova più dura di questa stagione invernale. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *