Politica Estera

Congresso USA: dal 2024 non riconosceremo più Putin come presidente russo

• Bookmarks: 1


La mossa è di due membri del Congresso statunitense, i quali propongono di non riconoscere più Vladimir Putin come presidente della Russia dal 2024 in poi. La risposta del Cremlino – ovviamente – non è tardata ad arrivare, accusando il Congresso USA di intromettersi negli affari interni di uno stato sovrano.

La risoluzione , presentata dai rappresentanti Steve Cohen (D-TN) e Joe Wilson (R-SC), segue i cambiamenti costituzionali dello scorso anno in Russia, che potrebbero vedere Putin rimanere al potere fino al 2036, rendendolo il leader più longevo a Mosca dai tempi di Joseph Stalin. Prima di essere modificata nel 2020, la costituzione russa consentiva a Putin di esercitare due mandati consecutivi per un massimo di otto anni.

Putin è in carica dal 2000,è dopo i suoi due primi mandati, divenne Primo Ministro nel 2008, prima di riprendere la sua posizione di Presidente federale nel 2012. L’alternanza tra la carica di Presidente e di Primo Ministro permetteva a Putin di rispettare la norma che prevedeva massimo due mandati presidenziali consecutivi. Dopo le recenti modifiche costituzionali tale vincolo è stato abolito.

Nella loro risoluzione del Congresso USA di giovedì 25 novembre 2021, i legislatori statunitensi hanno affermato che il plebiscito dichiarato dal Cremlino ha dato mandato agli emendamenti costituzionali per azzerare i termini di Putin, sarebbe stato viziato da “coercizione degli elettori” e “imbottitura elettorale“. Ovviamente mancano le prove a sostegno di ciò. La risoluzione afferma che “la sua permanenza in carica è illegittima” e che gli Stati Uniti non dovrebbero riconoscere Putin come presidente “dopo il 7 maggio 2024, se l’autocrate rimane al potere“.

Ancora è troppo presto per affermare se Putin si ricandiderà alle prossime elezioni, anche se ha precedentemente ma il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha descritto la mossa dei legislatori statunitensi come “inaccettabile“. Continua poi Peskov, dichiarando all’agenzia di stampa Tass “Quando pensiamo che dall’altra parte dell’oceano non potrebbero venire più cose ridicole, aggressive, ostili e poco costruttive, si scopre che ogni volta ci sbagliamo. Questo è un esempio perfetto non solo per la Russia ma anche per tutti gli altri paesi, di come gli Stati Uniti interferiscono ufficialmente negli affari interni di altre nazioni“.

Le agenzie russe hanno notato che tale risoluzione non è vincolante e che il ramo esecutivo degli Stati Uniti può scegliere di non agire in base ad essa. Tuttavia, Leonid Slutsky, presidente del comitato per gli affari internazionali della Duma di Stato, ha affermato che la mossa fa parte di “di una serie di provocazioni unite ad azioni di populismo e pubbliche relazioni politiche”.

In un contesto di sanzioni statunitensi contro la Russia e dispute diplomatiche, le tensioni tra Mosca e Washington sono aumentate dal vertice di giugno tra Putin e il presidente Joe Biden . Tuttavia, il Presidente russo rimane ottimista, ha anche espresso la speranza di un dialogo con gli Stati Uniti e i media russi hanno riferito che potrebbe esserci un incontro virtuale tra i presidenti russo e americano prima della fine del 2021.

comments icon0 comments
0 notes
16 views
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *